slide1_cr slide2_cr slide3_cr slide4_cr slide5_cr
Vuoi essere informato di tutte le iniziative che si svolgono al Museo dell'Arte Mineraria? Iscriviti alla nostra newsletter...


Ricevi HTML?

Joomla Extensions powered by Joobi

Accesso Utenti

La gestione di un museo non è solo proporre freddamente dei reperti, dei macchinari o l’atmosfera unica di una visita in una galleria minerario – didattica del 1934.

Non si tratta solo di mettere in campo tanta passione per cercare di far scaturire nel visitatore una suggestione e far si che rimanga, al termine, un’esperienza; che riesca a “lasciare” una piccola memoria di ciò che è stata la miniera per Iglesias e per il suo territorio.

Capita poi che gli occhi innocenti e curiosi di un bambino vedano quello che spesso noi adulti per distrazione non notiamo.

Capita così che, a seguito della visita al Museo, il piccolo Edoardo da Roma si entusiasmi così tanto da sentire la necessità di trasporre su carta con dei bellissimi disegni l’esperienza vissuta.

La sua sensibilità gli fa disegnare i “bambini minatori”, il duro lavoro con i martelli pneumatici, la scuola mineraria. Lo porta addirittura a creare una piccola pubblicità per il museo con lo slogan che fa dire ad un bambino del disegno “Io ci vado”

Per ultimo la cosa che più ci ha emozionati…da “grande” vuol tornare a vivere ad Iglesias e diventare un ingegnere minerario.

Cos’altro aggiungere caro Edoardo….GRAZIE! Tu non lo sai…ma ci hai appena dato una grande lezione!

Ci hai insegnato a guardare col “cuore” ciò che noi spesso ci lasciamo scivolare addosso, senza apprezzare il nostro passato che, come tu hai capito, può essere il nostro futuro!

Grazie anche ai tuoi genitori che ti stanno crescendo con la sensibilità e l’attenzione che ogni bambino dovrebbe avere!  

Sabato 3 Agosto 2019 alle ore 18.30 c/o il Museo dell'Arte Mineraria verrà presentato il libro "Lorca - Una storia qualunque" di Carlo Pillicu.

L'evento è organizzato dall'Associazione Minatori Nebida Onlus in collaborazione con l'Associazione Periti Minerari.

Modererà la serata Clara Congia

Come racconta il titolo l'opera parla di una storia qualunque che può essere la nostra storia, quella di nostro padre o di nostro nonno. Una storia di povertà, di tenacia e di riscatto sociale.

Vi aspettiamo

Per il 15° anno consecutivo il Museo dell'Arte Mineraria aderisce alla manifestazione Monumenti Aperti. Per l'edizione 2019 abbiamo per voi delle piacevoli sorprese. In superficie, oltre che agli ambienti tipici del nostro museo, potrete ammirare l'esposizione di arti visive IMAGINinARTE a cura del Liceo Artistico Remo Branca di Iglesias. L'inaugurazione sarà sabato 1 Giugno alle ore 16. In sotterraneo, nell'atmosfera suggestiva delle nostre gallerie, per tutta la giornata di domenica 2 Giugno potrete ammirare le ricostruzioni storiche interpretate dai figuranti della Corporazione Lavoratori di Fossa di Iglesias.

Il Museo sarà aperto sabato 1 Giugno dalle 15 alle 20 e domenica 2 Giugno dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20.

Dopo qualche anno di pausa il Museo dell'Arte Mineraria aderisce alla Notte dei Musei organizzata dal Ministero delle Cultura francese. La manifestazione è certamente uno degli appuntamenti culturali più importanti del continente con l'apertura contemporanea di centinaia di musei in tutta europa.

Per l'occasione abbiamo preparato per voi il seguente programma:

Apertura del Museo dell'Arte Mineraria (ad un prezzo simbolico di 1 Euro) dalle 19 alle 23

Visita delle gallerie con la sola luce dei caschi (con l'illuminazione elettrica spenta) con la possibilità di assistere ad alcune ricostruzioni dei lavori in miniera nel periodo medievale attraverso i figuranti delal “Corporazione Lavoratori di Fossa di Iglesias”

Esibizione del musicista Fabio Deidda che presenterà alcuni brani del suo repertorio tra cui “1906” dedicato alla vita in miniera

Aperitivo a cura dell'Associazione Periti Minerari

La manifestazione si svolge in collaborazione con il Parco Geominerario della Sardegna, la Carbosulcis per la concessione delle lampade da miniera, la Corporazione dei Lavoratori di Fossa (per le rievocazioni in galleria), l'Associazione Su Zurfuru Mine (per la gentile concessione delle lampade a carburo) e il musicista Fabio Deidda (per l'intrattenimento musicale).